Benvenuti nella nostra sezione Blog

Alcune curiosità sul legno

Alcune curiosità sul legno

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

È tra i materiali che l’uomo utilizza dalla notte dei tempi per creare utensili e abitazioni, è sostenibile e eco-compatibile, può diventare qualsiasi cosa una mente possa pensare ma soprattutto ha un lato curioso che nessun materiale può eguagliare. Di cosa stiamo parlando? Del legno ovviamente.

 

CURIOSITA’ SUL LEGNO

È tra i materiali che l’uomo utilizza dalla notte dei tempi per creare utensili e abitazioni, è sostenibile e eco-compatibile, può diventare qualsiasi cosa una mente possa pensare ma soprattutto ha un lato curioso che nessun materiale può eguagliare. Di cosa stiamo parlando? Del legno ovviamente.

In questo articolo parleremo di 5 curiosità che ti faranno dire WOW quando pensi al mondo del legno e che potrai sfoggiare alla prossima cena con gli amici.

 

Sai qual è il legno più costoso al mondo?

Ci sono tanti contendenti a questo podio e la risposta può cambiare nel tempo, in base alla rarità ed alle quotazioni del materiale. Diciamo che ad oggi al primo posto c’è indubbiamente l’ebano africano. Questo deriva da una pianta che cresce molto lentamente, per questo materiale si presenta così denso e pesante. Pensa che questo legno è così denso che non galleggia se immerso nell’acqua e fissarvi chiodi al suo interno è una vera e propria impresa. Quindi quanto costa questo materiale così raro e pregiato? Diciamo che la sua quotazione supera agevolmente i 30.000 € al mt3.

 

Qual è l’albero più alto al mondo?

Fin da bambini gli alberi ci colpiscono e ci attraggono per la loro dimensione. Ci arrampichiamo e pensiamo di costruirci una casetta lassù vicino al nido di qualche uccellino. Ma quanto in alto può arrivare un albero, può forse superare la nostra fantasia?

Ad oggi il record per l’albero più alto al mondo spetta ad Hyperion, una sequoia che si trova in California e che raggiunge quasi 116 metri d’altezza! In pratica quest’albero è più alto, di qualche decina di metri, rispetto alla Statua della Liberta (93 mt). Ovviamente la posizione di Hyperion è tenuta volontariamente segreta, per proteggerlo da malintenzionati.

 

Qual è l’albero più vecchio al mondo?

Dai proviamo a vedere se indovini… Quanti anni potrà mai avere questo essere vivente? 10? 100? 1.000? 10.000?

Ti diamo un indizio… e non ti nascondiamo che quando abbiamo scoperto questo dato abbiamo stropicciato gli occhi. Infatti, è impressionante pensare che questo Albero fosse già presente durante l’epoca del bronzo antico. In sostanza questo albero ha fatto in tempo a vivere nello stesso periodo del sesto faraone d’Egitto, Anejediib! Pazzesco!

Quindi chi è il bisnonno degli alberi? È “Matusalemme”, ovviamente non poteva avere un nome diverso! Si Trova nella Anciet Bristelcone Pine Forest sulle White Mountains, negli Stati Uniti ed ha compiuto quasi 5.000 anni! Per la sua sicurezza ed incolumità, la sua esatta localizzazione resta ignota.

 

Qual è la specie di albero più antica?

In questo caso non prendiamo in considerazione il singolo albero, bensì la specie a cui esso appartiene. Questo record va ad uno degli alberi più singolari che conosciamo, già dalle sue foglie si capisce la sua unicità e particolarità. Stiamo parlando del maestoso Ginko Biloba, originario della Cina. Si stima che questa specie sia nata tra i 200 ed i 250 milioni (si milioni) di anni fa. Ecco perché viene chiamato “il fossile vivente”. Guardando questa pianta possiamo vedere un essere vivente che sia i dinosauri che i nostri antenati, hanno potuto osservare.

In Italia quest’albero è per lo più utilizzato per fini ornamentali ma la sua bellezza nasconde altre fantastiche doti. Infatti, già dall’antichità si conoscono le proprietà di questa pianta. Dalle sue foglie si estraggono principi attivi utili a migliorare la microcircolazione e la memoria. Per questo motivo, la tradizione medica cinese, annovera il Ginko in manoscritti medici e di fitoterapia, risalenti addirittura al 2.800 AC.

 

Qual è l’albero più pericoloso al mondo?

No, non è quello su cui ti arrampicavi da bambino. E pensare che si trova in uno dei posti più paradisiaci al mondo. Infatti se vi trovate nelle isole caraibiche o in alcune zone dell’America Latina, state attenti alla Mancinella (Hippomane mancinella), che non a caso gli spagnoli chiamano “l’albero della morte”. Il suo nome deriva da Manzanilla, ossia “piccola mela” in spagnolo, in quanto quest’albero da alla luce un frutto che assomiglia proprio ad una piccola mela. Tanto quanto la pianta, anche il frutto è assolutamente off-limit, guai a mangiarlo o a toccarlo.

La sua pericolosità è dovuta al fatto che nella sua resina è contenuta una potente tossina che prende il nome di forbolo, altamente irritante ed idrosolubile. Per tale motivo è molto pericoloso anche solo sostare o toccare l’albero per entrarne in contatto. Non si può neppure bruciare la legna di quest’albero, in quanto la il forbolo è pericoloso anche se inalato attraverso i fumi che si scatenano durante la combustione.

Concludiamo con la buona notizia. Non bisogna temere questa pianta perché quest’albero, oltre a trovarsi in poche zone remote del nostro pianeta, laddove è reperibile, è sempre transennato da barriere e segnalato da appositi cartelli che avvertono della sua pericolosità.

 

Qual è la curiosità che ti ha stupito di più?

A noi quella della longevità… Perché pensare che “Matusalemme” era in vita al tempo degli Egiziani è qualcosa di incredibile. Queste sono alcune ma non tutte le curiosità sul mondo degli alberi. In futuro arriveranno altri articoli con altre sorprendenti curiosità.

Un Saluto da Giuseppe e Giulio, gli artigiani verdi.

Al prossimo articolo!

  

Seguici sui Facebook 

Seguici su Instagram

 

 

 

 

Falegnameria Duegi

Artigiani del legno.

Fare il falegname è un mestiere antico, avvincente, complesso e delicato dove ogni giorno c’è qualcosa da imparare.

È un mestiere fatto di attese, di pazienza e impegno, occorre saper annusare, ascoltare, toccare, vedere e rispettare.

Duegi - Cookies


L’attenzione all’ambiente, alla natura e a quanto ci circonda ci ha fatto guadagnare il titolo di "bottega degli Artigiani Verdi" volendo "fare" falegnameria in modo diverso.


Costruire con materiali provenienti da foreste sostenibili, usare colle atossiche, verniciare con prodotti naturali, ci permette di non produrre scarti di lavorazione inquinanti e facilmente riutilizzabili rispettando dell’ambiente.